Cucinare e badare ai bambini? Possiamo fare tutto!

La scelta di non fare vedere la televisione fino ad almeno i due anni, come consiglia la maggior parte dei neuropsichiatri e degli studiosi di neuroscienze, è faticoso ma non impossibile. – Nemmeno se uno ha una bimba amante dell’avventura come la mia Margaret, 16 mesi.

baby-17343_960_720

 

Per ridere vi posto la mia ricetta del mio riso ai formaggi.

Ingredienti:
Riso: 40 grammi per ogni bambino, 80 per ogni adulto
Burro: una fettina
Acqua o brodo: quanto basta
Formaggio: avanzi di ogni tipo, la quantità varia secondo il vostro gusto
Sale e pepe: un pizzichino per ogni commensale
PAzienza: a fiumi

E’ consigliabile uno scatto da centometristi, una resistenza e un fiato da fondisti. Anche un lato B tornito può tornare utile.

Procedimento:

1-Metti il riso a sbollentare con un po’ di burro, sale e pepe..

2-Togli Margaret e il gatto dalla vasca e asciugali.

3- Corri in cucina a mettere un po’ di acqua nel risotto prima che si carbonizzi.

4-Vai a riprendere Margaret al secondo piano e rimetti le barriere, sapendo già che è un lavoro inutile.

5-Torna in cucina, gira il riso, aggiungi un po’ d’acqua e inizia a tagliare il formaggio a dadini… ma smetti subito. In sala il gatto sta urlando disperato.

6-Vai in sala e togli la coda del gatto dalle mani di Margaret. Fai uscire il gatto in giardino a riposarsi un po’… in fondo il gatto indemoniato dei vicini è nulla in confronto alla bimba indemoniata tua.

7-Torna veloce in cucina, aggiungi altra acqua, ascolta terrorizzata il silenzio che c’è in casa…

8-Torna in sala e fai scendere Margaret dallo schienale del divano. In fondo è ancora un pochino presto per la gara della trave alle olimpiadi.

9- Dai a Margaret un piattino con del riso in modo che ci giochi un pochino.

10- Aggiungi ancora acqua al riso e gira ogni tanto. Nel frattempo continua a tagliare a dadini il formaggio. Smetti quando senti: ‘Mamma!’ dalla sala.

11- Accorri in sala, scivolando sul riso che è stato sparpagliato in modo meticoloso sul pavimento (ecco dove un lato B tornito può tornare utile: per assorbire gli urti).

12- Saluta tua figlia che è, incredibilmente, seduta a guardare un libro (mentre mentalmente la mandi dove non si può dire).

13- Passa l’aspirapolvere.

14- Cerca tua figlia che, avendo paura dell’aspirapolvere, si è nascosta in qualche anfratto della casa.

15- Porta tua figlia con te in cucina e falle buttare il formaggio nella pentola del riso.

16- Battile le mani. Il gesto ti farà rammentare che non hai lavato le sue prima di farle toccare il formaggio. Alza le spalle. In fondo l’acqua bollente distrugge qualsiasi schifezza

17- Gira il riso e il formaggio.

18- Girati e fai scendere Margaret dalla tavola. Non è igienico fare equilibrismo con i piatti in mano e i piedi sulla tovaglia.

19- Il riso è pronto. Lava le mani alla bambina e siediti a tavola con lei.

Ricevi il premio nobel per i seguenti motivi: il riso non è bruciato, la bimba è ancora viva e in buona salute, tu non hai l’esaurimento nervoso e il gatto, lui si che è un po’ esaurito, si, ma tutto sommato è ancora vivo e ha ancora tutto il pelo attaccato alla pelle. – Mamma Elizabeth



Segui TSMMama anche su facebook!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...