Tornare in forma dopo il parto? 5 consigli dell’esperta!

L’alimentazione post partum deve essere varia e bilanciata con un buon equilibrio nutrizionale, che porti a soddisfare le richieste dell’organismo. Ecco tutti i consigli dell’esperta!

consigli sul perdere peso dopo la gravidanza.jpg

Nella mia libera professione ed anche nelle parole delle mamme del gruppo ho spesso riscontrato nelle donne alcune richieste comuni. In particolare la necessità di essere snelle o di ritornare al peso pregravidico. Inoltre sono piuttosto frequenti alcuni disturbi di diverso tipo come emicrania, sindrome del colon irritabile, perdita di capelli o ritenzione idrica.

Il sovrappeso, la ritenzione idrica, emicrania e tanti altri sintomi riportati non sono altro che la manifestazione di qualche meccanismo fisiologico che non funziona come dovrebbe. Molto spesso questi meccanismi vengono influenzati dall’alimentazione e lo stile di vita che noi seguiamo. Il sovrappeso, ad esempio, è uno squilibrio fra entrate ed uscite, quindi fra calorie introdotte e dispendio energetico e lo stress può essere attenuato da alimentazione corretta e attività fisica frequente.

La ricerca di diete drastiche ipocaloriche che promettono di far perdere peso in tempi brevi non aiuta questa sintomatologia: non rispondono correttamente ai nostri bisogni e al contrario creano nel nostro organismo uno squilibrio, uno stress.

Può sembrare un concetto banale ma viene spesso sottovalutato: è fondamentale partire ascoltando ciò che ci dice il nostro organismo. È bene partire dal concetto che per raggiungere il benessere psico-fisico è necessario un buon equilibrio, anche nutrizionale, che porti a soddisfare le richieste dell’organismo.

Nella donna, ancora di più rispetto all’uomo, queste richieste mutano più volte nelle varie fasi della vita: partendo dall’adolescenza, e continuando con la gravidanza, l’allattamento e menopausa.

Può quindi facilmente capitare di non riuscire a soddisfare in modo sufficiente le necessità nutrizionali e sviluppare una carenza. La carenza di micronutrienti specifici può provocare malfunzionamenti dei processi fisiologici fondamentali che avvengono nel nostro organismo.

Inoltre le donne hanno una responsabilità in più: già attraverso l’alimentazione in gravidanza e durante l’allattamento si è visto che si pongono le basi dell’alimentazione futura del loro bambino. Durante l’allattamento possono essere frequenti carenze nutrizionali anche importanti: è bene sapere che non è possibile fare diete dimagranti in questo periodo, anzi è necessario introdurre attraverso il cibo tutti i nutrienti necessari.

Il mio consiglio è proprio quello di cominciare a prendersi cura di sé stesse cominciando dall’alimentazione e da alcuni buoni propositi:

1) Imparare a conoscere il proprio senso di sazietà o di fame. Se si ha l’abitudine di spiluccare o mangiare per stress, è bene individuare i momenti in cui questo accade e programmare altre attività, come giocare con i bambini o fare una passeggiata o tenere a portata di mano alimenti ipocalorici;

2) Aumentare il dispendio energetico giornaliero attraverso passeggiate quotidiane di almeno 30 minuti (e nel weekend anche di 1 ora);

3) Mantenere una corretta idratazione attraverso l’introduzione di almeno 2 litri di acqua al giorno, quindi circa 10-12 bicchieri al giorno. Iniziate con 1-2 bicchieri appena sveglie, 1-2 a metà mattina e metà pomeriggio e 3 bicchieri ai pasti;

4) Curare la spesa e il menù settimanale. L’organizzazione permette di ridurre i tempi necessari per curare l’alimentazione della famiglia. Possono essere strategie vincenti: stilare un menù settimanale e quindi una lista della spesa, non fare mai la spesa a stomaco vuoto (diversi studi hanno evidenziato che questo porta a comprare più cibi spazzatura), non cadere vittima delle offerte di cibi non salutari, sfruttare invece le promozioni di cibi sani;

5) Variare l’alimentazione e ritornare ad un modello di tipo mediterraneo. Nessun cibo è vietato se consumato con una giusta frequenza ed adeguate porzioni. È bene scegliere prodotti di stagione, cibi freschi, poco elaborati e variarli il più possibile. Tornare ad uno stile di vita mediterraneo significa introdurre nella nostra quotidianità cereali integrali, pesce, legumi, frutta secca, verdura e frutta e inserire in una giusta frequenza settimanale cibi ricchi di zuccheri, carne, formaggi, uova e salumi.

Spesso è necessaria una guida per riequilibrare l’alimentazione di una famiglia: il consiglio è quello di rivolgersi solo a professionisti della salute qualificati, che abbiano quindi seguito un percorso universitario adeguato, che non propongano soluzione drastiche e che basino le loro affermazioni solo su evidenze scientifiche recenti.

Dott.ssa Claudia Cambria – Dietista

E-mail Studio Dietistico Castiglione


TI PIACE QUESTO ARTICOLO?Allora CLICCA MI PIACE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK e condividi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...