Crisi di coppia: i sogni, i bisogni, i progetti… che fine hanno fatto?

“Vacci tu in terapia! Che sei TU il problema, non IO!”

“Se vuoi fare terapia di coppia sono d’accordo, ma io non vengo”

“Non serve a niente, tanto non cambieremo mai”

terapia di coppia.jpg

Molte spesso nel gruppo di mamme si parla di crisi, di perdita di emozioni, complicità ed equilibrio con il proprio partner. Si chiedono consigli su come muoversi, a chi chiedere un supporto per poter arginare o risolvere queste situazioni che infondono ansia e stress. Così, abbiamo chiesto una riflessione alla Psicologa Psicodiagnosta Dott.ssa Olga Paola Di Monaco Specializzanda in Psicoterapia relazionale della famiglia.

“Ecco un brevissimo corollario di alcune delle obiezioni più comuni alla consulenza di coppia . Eppure la COPPIA per antonomasia è unione, progettualità, condivisione…o no?

Quando ci si sceglie i motivi possono essere mille, o anche solo uno, non importa. Ci si lega e ci si innamora. Punto.

C’è qualcosa nell’altro (coincidenze o meglio “sfighe”, direbbe qualcuno in certi momenti “no”) che fa vibrare vigorosamente le nostre corde più intime, qualcosa per cui ci immaginiamo nella vita accanto a lui o lei, e su quello investiamo energie ed aspettative.

Per fortuna, direi, siamo esseri in evoluzione, ognuno a proprio modo e coi propri tempi,e capita che ciò che ci piaceva così tanto del nostro compagno si fatichi anche solo a ricordare, le doti inesauribili e tanto apprezzate della nostra lei sembrano svaniti in una nube di fumo.

I sogni, i bisogni, i progetti… che fine hanno fatto? Che succede se la magia si rompe?

Può esserci una rapida e tempestosa escalation di rabbia e aggressività, oppure l’inesorabile lenta agonia dell’ indifferenza, o ancora un tradimento (con un’altra/o, col lavoro, col gruppo di calcetto o amiche…).

Davanti alla crisi di coppia i partner possono reagire in modo assolutamente diverso.

Essa può essere sentita e riconosciuta da entrambi, da uno solo dei due, oppure vertere su questioni profondamente diverse. E in fondo, se ci pensiamo, non è poi così strano. Siamo prima di tutto persone, individui. Portiamo nella condivisione a ­due la nostra storia, la nostra cultura, le tradizioni, le esperienze, e il modo in cui viviamo emotivamente le situazioni dipende da una serie soggettivamente infinita di variabili.

La crisi può spaventare, ma è bene ricordarne il significato: deriva dal greco κρίσις e significa “scelta, decisione”: possiamo quindi nascondere la polvere sotto al tappeto oppure trasformarla in opportunità.

Spetta a noi provare a venirne a capo. Quando nella relazione di coppia c’è qualcosa che non va, e non c’è volontà da parte di entrambi di affrontare un percorso a due, intraprendere una consulenza personale è il primo grande passo verso un miglioramento della qualità di vita, verso un rinnovato senso di equilibrio e benessere; è lo spazio in cui trasformare stress e incomprensione in un’occasione di rigenerazione e consapevolezza di sé.

Conoscere se stessi e il posto che occupiamo nelle relazioni affinare la percezione che abbiamo di noi stessi e del nostro ruolo, ovvero sviluppare il nostro locus of control interno, ci permette di essere liberi.

E’ un lavoro che non si disperde mai nel vuoto, ma genera energia che si mette in circolo, e si trasforma in vita…

Pagina facebook Dott.ssa Olga Paola DiMonaco

Leggi anche Lutto perinatale Dolore e senso di vuoto


TI PIACE QUESTO ARTICOLO? CLICCA MI PIACE SULLA NOSTRA PAGINA FACEBOOK e condividi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...