Il pancione? No, grazie. Datemi direttamente mio figlio

Non solo la felicità di aspettare per nove lunghi mesi il tuo bambino e attenderlo fra le braccia. Durante la gravidanza ci sono cose che forse non ti hanno detto della serie “ci sono cose che voi umani non potete neanche immaginare”: potresti piangere, non sentirti sempre bene, avere la nausea, dolori alla schiena, crampi muscolari, reni doloranti, emicranie, mal di gola il prurito, le gengive sanguinanti, l’ipertensione, il diabete gestazionale, tensione al seno, perdite vaginali più abbondanti, gonfiore alle caviglie, stitichezza, l’insonnia a volte anche le emorroidi..per non parlare delle paure e dei timori che ti assalgono.  L’incanto psico-fisico? Naaaaaaaa quello si vede solo nelle cartoline!

Pancia mamma.png

Aiuto, solo a ricordarli mi stavo sentendo male.. Ovvio, il momento dell’attesa è un periodo che ognuna di noi vive in maniera molto personale, interiore, ho conosciuto tante mamme che riescono a viverlo in maniera serena. (almeno in apparenza)

Addirittura l’altro giorno, mentre stavo praticando la lezione di aerobica in palestra, ho salutato una splendida mamma super atletica in attesa al sesto mese che aveva più vitalità di me!

Ma non sempre la gravidanza è sinonimo di stelle filanti,  cuoricini, baci bacini, tutto rosa e fiori. Spesso il cambiamento non sempre è accettato, non ci si riconosce più, ci si sente goffe, si perde la propria privacy, non puoi più indossare i tuoi vestiti, il tuo corpo non è più tuo, hai dentro di te un’altra vita e anche il fatto di non sapere se tutto stia procedendo come dovrebbe e il non sapere di poter essere all’altezza della situazione fa andare in ansia. 

Io, per esempio, sono stata una da Babysound, quel coso stratosferico che permette di ascoltare i battiti cardiaci del proprio bambino nel pancione , comodamente a casa, a partire dalla 12°-14° settimana di gravidanza. A volte contavo anche quanti movimenti fetali sentivo al giorno e quando c’era la morfologica andavo a controllare che i centimetri corrispondevano all’età gestazionale. Robe da donne in attesa e incomprese, lo so bene…

Per non parlare del fatto che non puoi mangiare quello che vuoi perché devi stare attenta alla  toxoplasmosi o diventi peggio del cane poliziotto con il super olfatto perché arrivi ad avere una spiccata percezione di tutti i tipi di odori, dai profumi alle puzze…

C’è da dire che anche gli ormoni in sovrabbondanza non aiutano, amplificano le angosce e le preoccupazioni, a volte la gioia non sembra abitare dietro l’angolo ma in fondo ad un tunnel – molto profondo e nero.

Vedo un sacco di mamme che sono fiere delle loro pancine, le mettono in mostra con servizi fotografici che li ritrae in coppia, da sole, con gli altri figli, chi preferisce il belly painting (pittura artistica sulle pance), chi la scultura del pancione (“stampare” il pancione, facendone un calco di gesso ) chi posta nei gruppi la fatidica domanda correlata da foto “Secondo voi a che settimana sono?” oppure “Postate le foto delle vostre pancine”.

E le ammiro. Io sono fra l’1% di quelle mamme che la gravidanza, la pancia, pancina panciona, le mani sulla pancina, panciona panciò l’avrebbe sicuramente cancellata.

Di quel periodo ricordo la preparazione della cameretta di mia figlia, lo shopping con le amiche e familiari per negozi a trovare tutte le cosettine carucce, (i mega gelati e le ciambellone alla Nutella) il sognare il suo volto, i suoi occhi, a immaginare che dopo la sua nascita avrei avuto un pezzettino di me sempre al mio fianco, ripensavo al mio passato e a quante cose non le avrei mai fatto mancare, ero gioiosa all’idea di poterla abbracciare. Sapevo che in fin dei conti il regalo me lo stava facendo lei, nonostante i numerosi cambiamenti.

Pensavo che mia figlia sarebbe stata la cosa più bella, giusta, perfetta e completa che sarei riuscita mai a fare in tutta la mia vita

 +25 chili, pancione e disturbi vari a parte….


TSMMama

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...